La dislessia e la  scoperta di Padova

Leggiamo con profondo piacere la scoperta di Ricercatori dell’Università di Padova (Andrea Facoetti, Simone Gori), di Bergamo (IRCCS Medea di Bosisio Parini) e della California relativamente alla natura della dislessia ed alla conseguente cura, riferita sulla rivista americana Cerebral Cortex in un articolo dal titolo “Multiple Causal Links Between and Developmental Dyslexia” .

Si fa riferimento alla via visiva magnocellulare-dorsale, ovvero ad un insieme di aree cerebrali (un circuito) che regola la percezione del movimento e la giusta localizzazione degli oggetti nello spazio.

La cura consiste pertanto nell’esercitare e potenziare tale funzione visiva (del movimento e delle collocazioni spaziali).

Ci fa piacere poiché si riconoscono alcuni principi che da sempre costituiscono la piattaforma della nostra concezione sia del disturbo che del training abilitativo e didattico:

1.    La dislessia è una disfunzione fisiologica legata alla percezione del movimento (non dei grafemi in sé).

2.    Essa include il problema dell’organizzazione nello spazio.

3.    La terapia è condotta principalmente sulle funzioni visuo-motorie (percezione del movimento) non meramente visive o discriminative di fondo.

Del resto, la Teoria magnocellulare accostata alla dislessia non è nuova, ma sostenuta da genetisti e ricercatori come Stein, Tallal ed altri, come espressione di una anomala migrazione neuronale delle magnocellule, per effetto di un errore genetico (delezione del ramo di un cromosoma).

Si consideri che le cellule cosiddette magnocellule operano in presenza di azioni percettive veloci (pressanti, sovrapposte).

Tutto questo rende obsoleta la Teoria fonologica, così come intesa in Italia, come errore nell’associazione suono-segno o segno-suono, errore che è di natura semantica, simbolica (cioè tutt’altro).

Tutto ciò sottolinea la centralità delle pratiche diagnostiche, valutative  ed abilitative (terapiche, educative, preventive) di natura pedagogica.

Documento UNIPED – Unione Italiana Pedagogisti

Lascia un commento