Apprendimento cooperativo e didattica. Presentazione del quaderno pedagogico.

 

“Le sfide educative proposte dalla nostra società, in forte accelerazione dinamica, richiedono un continuo processo di riadattamento culturale e professionale della scuola che deve essere in grado di proporre non solo contenuti formativi, ma valori realmente significativi anche sul piano sociale. Il cambiamento della società richiede una formazione più cooperativa che competitiva, pertanto anche l’apprendimento deve muovere in questa direzione: la formazione di competente specifiche.

Si consideri inoltre che la società e l’utenza scolastica sono sempre più eterogenee. Non è più possibile la selezione operata in passato, con la conseguente espulsione dal mondo della scuola di chi non si adatta ai modelli proposti, bisogna fare i conti con diverse capacità, competenze e livelli culturali. Bisogna trasformare tale eterogeneità in risorsa, per questo bisogna valorizzarla in un’ottica cooperativa in grado di integrare anche chi è svantaggiato o è comunque portatore di competenze poco riconosciute nell’ambito della scuola tradizionale.

Queste premesse portano alla valorizzazione dell’apprendimento cooperativo quale metodo di insegnamento a mediazione sociale, utilizzabile dall’intero consiglio di classe ed integrabile nelle attività di ciascun docente.

Il lavoro proposto citerà i fondamenti, i capisaldi e soprattutto i vantaggi di tale metodologia e presenterà alcune esperienze didattiche fino ad ora sostenute al fine di offrirne una presentazione anche in chiave operativa.”

 

 

Cari amici e colleghi,

sabato 28 maggio, presso la Sala Consigliare del Comune di Atri, il professor Giancarlo Prosperi, pedagogista Uniped, presenterà un interessante lavoro dal titolo: Apprendimento cooperativo e didattica.

Lascia un commento