Crisi e contagio

Messaggio del Presidente UNIPED in risposta ai molti genitori, colleghi e lavoratori nel settore sociale e didattico, che chiedono se ci sia un modo “migliore” per parlare con i bambini, con chi ha paura, con chi non capisce come comportarsi.

Questo momento di crisi puo’ anche diventare un’opportunità: ho incrociato stamattina già tre botteghe di quartiere con scritto fuori che consegnano la spesa a casa, e se già evitare l’ipermercato è un bene, in questo periodo è quasi un dovere. Alcuni panettieri hanno deciso di mettere il numeratore anti-coda fuori: ottimo, questa è una concreta misura anticontagio.
Piccolo consiglio da pedagogista: c’è il sole, portate adesso a spasso i bambini, meglio se in bicicletta ma va bene anche a piedi, purché stiate all’aperto e frequentiate posti spaziosi e non affollati.

Non portateli assolutamente a casa dei nonni (e’ dura, lo so, ma è inutile tenerli a casa e poi esporre gli altri al contagio) e neanche portateli a casa dagli amici e amichetti.

Non e’ la casa che protegge, ma l’evitare il contatto con gli altri.
E’ un’occasione per cambiare alcune abitudini. In certi casi in meglio: lasciate a casa la macchina, evitate troppi contatti ravvicinati, non andate a bere nei bar, a mangiare nei fast food e ristoranti. Rispettate le norme igieniche senza isterismi ma con attenzione, arieggiate la casa, la biancheria lavata va stesa fuori casa. State all’aria aperta col sole e tornate quando fa buio. Non fa bene solo ai bambini recuperare un ritmo a misura d’uomo.

Per un paio di mesi possiamo anche stringere i denti.

Il Presidente Nazionale UNIPED
Dr. Alessandro Bozzato
Venezia 2020