Legge sulla professioni di educatori e pedagogisti, intervento dell’On. Milena Santerini

L’approvazione della legge Iori su educatori e pedagogisti, avvenuta ieri nella Commissione VII della Camera, è un importante traguardo. Dopo l’approvazione anche in Senato avremo un percorso definito per le decine di migliaia di educatori che lavorano nei servizi alla persona. Sarà necessaria la laurea e si distinguono meglio le due figure (educatore professionale socio-pedagogico e educatore professionale socio-sanitario, che lavoreranno secondo specifici compiti nei vari ambiti. Il titolo di pedagogista diviene abilitante. Gli educatori sono indispensabili nella società per le competenze di relazione e integrazione sociale. Ci auguriamo che anche questa legge contribuisca a farli crescere sul piano culturale e professionale.

Milena Santerini

logo uniped

Abbiamo una legge sulle professioni educative!

Cari soci e cari amici, ieri è stato un giorno importante per la nostra professione. La Commissione Cultura della Camera dei Deputati ha dato il via libera alla proposta di legge “Disciplina delle professioni di educatore e di pedagogista” (2656).

Appena avremo il testo integrale sarà pubblicato sul sito e lo commenteremo insieme, nel frattempo potete vedere gli ultimi passaggi:

testo presentato in Commissione  link

ultimi emendamenti link

In questo momento desideriamo sottolineare, oltre alla nostra soddisfazione, la gratitudine nei confronti delle persone che si sono fatte carico di questo percorso. GRAZIE!

logo uniped

Stefano Coquinati – pedagogista e presidente UNIPED

 

 

Disciplina delle professioni di educatore professionale, educatore professionale sanitario e pedagogista. A che punto siamo con la normativa.

Cari colleghi pubblichiamo una nota inviataci dall’Onorevole Milena Santerini sulla legge 2656 che disciplina la nostra professione e la figura degli educatori.

Ecco a che punto siamo con l’iter parlamentare:

Il 9 febbraio 2016 è stato approvato nella VII Commissione della Camera il testo unificato della proposta di Legge 2656 (Iori) di cui sono relatrice.
Il Comitato ristretto composto da rappresentanti di tutti i gruppi politici ha lavorato sul testo iniziale dandosi come obiettivi: riconoscimento degli educatori per una maggiore qualificazione e ampliamento sbocchi professionali; ridefinizione della distinzione tra Educatori attualmente Classe 19 e Educatori attualmente Classe 2 con una modificazione del titolo; norme transitorie che tutelino tutti gli educatori che già lavorano nei diversi ambiti senza cambiare la loro situazione attuale.
Si procederà la prossima settimana all’esame e al voto degli emendamenti. Se approvato, il testo verrà inviato alle altre Commissioni della Camera per il parere consultivo. Se il testo verrà approvato dai 4/5 dei membri della VII Commissione non sarà necessario il passaggio successivo in Aula. Dovrà invece passare al Senato per l’esame e l’approvazione.
Milena Santerini

Milena Santerini è deputato alla Camera nella XVII Legislatura nel gruppo Per l’Italia. Insegna nella Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del S.Cuore di Milano.

Il sito di Milena Santerini 

Per accedere al testo unificato è possibile visitare il sito della Camera a questo link.

http://www.camera.it/leg17/824?tipo=A&anno=2016&mese=02&giorno=09&view=&commissione=07#data.20160209.com07.allegati.all00010

foto3

Il differenziale pedagogico nelle professionalità educative. Padova 20 novembre 2015

Il prossimo 20 novembre si svolge a Padova un importante convegno organizzato da CIRPED Centro Italiano di Ricerca Pedagogica su “Il differenziale pedagogico nelle professionalità educative.”

Cirped 20 novembre 2015

 CIRPED .pdf

Si tratta di una occasione interessante per pedagogisti ed insegnati di approfondire conoscenze e sopratutto di prendere  consapevolezza de propio lavoro.

La dislessia e la  scoperta di Padova

Leggiamo con profondo piacere la scoperta di Ricercatori dell’Università di Padova (Andrea Facoetti, Simone Gori), di Bergamo (IRCCS Medea di Bosisio Parini) e della California relativamente alla natura della dislessia ed alla conseguente cura, riferita sulla rivista americana Cerebral Cortex in un articolo dal titolo “Multiple Causal Links Between and Developmental Dyslexia” .

Si fa riferimento alla via visiva magnocellulare-dorsale, ovvero ad un insieme di aree cerebrali (un circuito) che regola la percezione del movimento e la giusta localizzazione degli oggetti nello spazio.

La cura consiste pertanto nell’esercitare e potenziare tale funzione visiva (del movimento e delle collocazioni spaziali).

Ci fa piacere poiché si riconoscono alcuni principi che da sempre costituiscono la piattaforma della nostra concezione sia del disturbo che del training abilitativo e didattico:

1.    La dislessia è una disfunzione fisiologica legata alla percezione del movimento (non dei grafemi in sé).

2.    Essa include il problema dell’organizzazione nello spazio.

3.    La terapia è condotta principalmente sulle funzioni visuo-motorie (percezione del movimento) non meramente visive o discriminative di fondo.

Del resto, la Teoria magnocellulare accostata alla dislessia non è nuova, ma sostenuta da genetisti e ricercatori come Stein, Tallal ed altri, come espressione di una anomala migrazione neuronale delle magnocellule, per effetto di un errore genetico (delezione del ramo di un cromosoma).

Si consideri che le cellule cosiddette magnocellule operano in presenza di azioni percettive veloci (pressanti, sovrapposte).

Tutto questo rende obsoleta la Teoria fonologica, così come intesa in Italia, come errore nell’associazione suono-segno o segno-suono, errore che è di natura semantica, simbolica (cioè tutt’altro).

Tutto ciò sottolinea la centralità delle pratiche diagnostiche, valutative  ed abilitative (terapiche, educative, preventive) di natura pedagogica.

Documento UNIPED – Unione Italiana Pedagogisti

CONVEGNO INTERNAZIONALE DYSLEXIA AND DYSPRAXIA FROM PREVENTION TO TRAINING

Cari Pedagogisti e cari amici abbiamo il piacere di invitarvi a questo importante evento che si terrà a Verona il 23 e 24 Ottobre. Parleremo di dislessia e diprassia, dalla prevenzione ai percorsi didattici riabilitativi.

immagine convegnoLocandina Convegno Verona

Programma: Programma CONVEGNO D&D VERONA

Ricordiamo che l’ingresso è gratuito, ma è importante l’iscrizione anche al fine di garantire i certificati di partecipazione e i crediti formativi.

Per chi arrivasse da fuori città possiamo fornire un elenco degli alberghi.

Per ogni informazione potete contattare segreteria@uniped.eu

 

Piccoli passi …nella giusta direzione

Riconoscimento della Professione di Pedagogista… un’altro piccolo passo.

Unknown-3

Cari colleghi,
ieri 17 settembre il nostro vice presidente nazionale prof. Piero Crispiani è stato sentito a Montecitorio in audizione presso la VII commissione circa la proposta di legge sulla disciplina delle professioni di pedagogista ed educatore.

Proprio ieri infatti sono iniziate le audizioni per la legge 2656 (seguendo questo link  è possibile visionare la proposta di legge), è un’altro dei piccoli passi che stiamo cercando di fare verso il riconoscimento della professione di pedagogista.

Personalmente sono grato alla professoressa Iori, al professor Crispiani e a quanti si stanno spendendo per portare avanti quanto progetto. Grazie!

Stefano Coquinati Pedagogista

Presidente UNIPED