La scuola ha bisogno di pedagogisti ed educatori

La condizione che il nostro paese sta vivendo a partire da febbraio 2020 ha avuto una ricaduta importante sul sistema scolastico ed educativo. La sospensione delle lezioni e il ricorso alla didattica a distanza ha visto l’utilizzo di risorse personali degli insegnanti, dei ragazzi e delle famiglie. In molte realtà la situazione economica e le carenze tecnologiche non hanno permesso di dare continuità alle attività scolastiche.

Durante questo periodo si sono rilevate criticità diffuse e sono emerse delle “emergenze educative”. In molte realtà il rapporto tra insegnanti e studenti deve essere ricostruito, riscoprendo il ruolo educativo della scuola all’interno del territorio.

“Mai come oggi la scuola ha bisogno di pedagogisti ed educatori per integrare le competenze pedagogiche e didattiche”

Stefano Coquinati – Pedagogista
Ph Matese Fields

La prossima settimana, il primo ottobre, verranno presentate le proposte formative di pedagogiaedidattica.it per l’anno scolastico 2020/2021.

Si tratta di percorsi progettati attorno a due temi principali il ruolo del pedagogista a scuola e gli strumenti di per il lavoro di tipo educativo. Abbiamo creato un “percorso di alta formazione” rivolto alle persone che svolgono o che vogliono avvicinarsi alla professione del pedagogista. Inoltre saranno presentati una serie di workshop tematici denominati “strumenti”

Le modalità didattiche saranno blended, cioè miste, in presenza e on line. Ma la vera novità sarà nelle sedi dell’attività che tutto il territorio nazionale.

Che cosa abbiamo imparato da questa esperienza.

Parlare di educazione e di scuola oggi vuol dire riflettere sulla situazione particolare che abbiamo vissuto in questi mesi.

L’emergenza Coronavirus ha imposto la sospensione delle lezioni e l’attività didattica è diventata “a distanza” (DaD). I ruoli sono cambiati completamente: gli insegnati hanno iniziato a caricare il materiale on line e a fare dei collegamenti tramite piattaforme che permettono le videoconferenze. I ragazzi si sono organizzati per lavorare da casa. I genitori, in molti casi, hanno dovuto trasformarsi in insegnanti dei loro bambini.

Ph Ben Mullins

Io vorrei partire proprio da questa esperienza e cercare di condividere alcune riflessioni sulla scuola e sugli aspetti educativi che in queste settimane ci siamo trovati ad affrontare. Credo che una riflessione possa essere utile anche per il futuro della scuola e per gli adulti che si confrontano con il lavoro a distanza.

Innanzitutto dobbiamo dire che solo quando una cosa ci viene a mancare comprendiamo l’importanza che ha nella nostra vita quotidiana. La situazione particolare che abbiamo vissuto ci ha permesso di capire quanto l’esperienza scolastica sia importante per i bambini e per i ragazzi e quanto essa sia una esperienza complessa e difficile da riprodurre. L’apprendimento di contenuti è solo una parte della vita scolastica, gli orari della scuola, gli ambienti, l’organizzazione del lavoro, l’attenzione che si ha in classe, il rapporto con i compagni, sono tutti elementi che contribuiscono all’esperienza scolastica. Per provare a gestire al meglio la didattica a distanza dovremmo tenere conto di questi fattori e provare ad usarli come riferimento anche per l’attività in casa.

I bambini e sicurezza su internet

Internet è una risorsa ma è anche una sfida educativa!

A che età posso dare il telefonino a mio figlio? e con facebook che cosa possiamo fare? Spesso nelle nostre attività di consulenza educativa accompagniamo i genitori nei temi di internet e la sicurezza. Abbiamo creato un infografica per un buon comportamento in rete. In realtà non contiene “regole da imporre” ma “regole da concordare” con i ragazzi.

Ai genitori diciamo:
“stare calmi,
spiegare 
dare l’esempio”

ecco i consigli di pedagogiaedidattica.it

Children and Internet Safety

Consulenza educativa per genitori in difficoltà

“Ci accade spesso di incontrare famiglie che avvertono difficoltà nei rapporti con i figli. Questo è più che normale, qualsiasi età di un figlio può risultare problematica agli occhi dei genitori. Succede però che le circostanze siano sufficientemente complesse da generare un senso d’inadeguatezza che a sua volta peggiora la situazione.
In alcuni momenti inoltre si debbono prendere delle decisioni che saranno sicuramente determinanti per il futuro dei ragazzi e non sempre è facile evitare di farsi condizionare dalla realtà che è attorno.”

 

Di fronte a queste problematiche la consulenza educativa è una delle risposte più efficaci perché permette di supportare la famiglia attraverso l’individuazione, la condivisione e l’attuazione di “indirizzi educativi” coerenti nei confronti dei figli. La scelta del percorso e il coinvolgimento di entrambi i genitori porta infatti, alla coerenza delle azioni educative, condizione fondamentale, per la loro efficacia nelle diverse situazioni.

Una delle caratteristiche importanti della consulenza educativa è la concretezza, una volta stabiliti gli indirizzi educativi si lavora sulle gestione delle quotidianità, analizzando le situazioni e stabilendo come i genitori possono gestirle. Gli approcci diversi e complementari: quello materno solitamente “affettivo” e quello “normativo” e disimpegnato dei papà sono una vera ricchezza.
L’intervento a carattere pedagogico costituisce un approccio risolutivo perché mira alla crescita personale degli individui per il raggiungimento del pieno benessere e dell’autonomia. In questo modo le situazioni problematiche vengono fronteggiate attraverso un cambiamento di prospettiva e la mobilitazione delle risorse personali.

La consulenza educativa mira a individuare e sviluppare le competenze genitoriali.

…il cambiamento attraverso l’apprendimento.